AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità MappaMappa del sitoProgetto SISC

Tutti gli elementi

Informazioni

“Festival dell’Utopia”. A lezione da Seminerio per sapere come si scrive un racconto

“Festival dell’Utopia”. A lezione da Seminerio per sapere come si scrive un racconto

 

      Come si scrive un racconto: è stato questo l’argomento trattato nella seconda giornata del Festival dell’Utopia, la kermesse letteraria in corso a Biancavilla, dal 6 al 9 novembre a Villa delle Favare.
      Un uditorio attentissimo, composto da quattro classi di scuola superiore, ha ascoltato la lectio magistralis tenuta da uno degli scrittori siciliani più interessanti del momento: il calatino Domenico Seminerio, autore tra l’altro di romanzi famosissimi come “Senza re né regno”, “Il cammello e la corda” ed infine, “Il manoscritto di Shakespeare”.
      Nel corso della giornata, oltre all’intervento di Seminerio e dei ragazzi iscritti al festival, si è registrata la presenza del sindaco Pippo Glorioso e del suo vice, Liborio Scaccianoce. L’assessore Scaccianoce, in modo particolare, ha curato l’organizzazione dell’evento per conto del Comune di Biancavilla. Una manifestazione realizzata con la collaborazione della Provincia regionale di Catania, del Parco dell’Etna, della casa editrice Adelphi e della fondazione “La città invisibile”, rappresentata nella kermesse, da Alfia Milazzo e da tanti giovani, come Antonio Lanza, tra i relatori nel secondo seminario.
      Il Festival dell’Utopia ha aperto i battenti ieri, con la conferenza di Loretto Rafanelli, bolognese ma soprattutto poeta, e continuerà domani con lo scrittore Luca Randazzo che, insieme a Rosita Serpa, parlerà sul tema “La realtà immaginata. Un tracciato di immagini e parole nell’utopia del pensiero”. 
      Chiuderà i seminari, lunedì alle ore 16, il giornalista Giovan Battista Brunori, vaticanista del Tg di Rai 2: spetterà a quest’ultimo spiegare come si scrive un articolo giornalistico.


      Il “Festival dell’Utopia” non si concluderà con i quattro seminari in programma. Concluse le conferenze, i partecipanti potranno scrivere una poesia, un racconto o un redazionale giornalistico sul tema: “Un sogno fatto a Biancavilla. L’utopia che vorresti realizzata”. Sarà questo il modo per concorrere al premio letterario “Leonardo Sciascia, un sogno fatto in Sicilia”, il premio ricade nel ventennale dalla scomparsa del grande scrittore siciliano. Per l’occasione la casa editrice Adelphi, donerà ai vincitori del premio diversi libri. 
      Le iscrizioni alla manifestazione saranno aperte fino all’inizio dei seminari, la conclusione si terrà il 22 novembre con la premiazione dei vincitori.
(d.l.)

festivalutopia